Venezuela#2: Un Museo en plein air di C.R.Villanueva nella Ciudad Bolivar

Visitiamo la città nel suo centro storico il quale si concentra totalmente nella piazza dove si situa il museo di angostura anch’esso in stile coloniale, ma ci allontaniamo un po' e capitiamo per caso al giardino botanico della città, immenso, incredibilmente grande e appena entriamo in quest’oasi sembra quasi che tutto il malessere e la povertà di questi luoghi non esistano.


Piante e fiori mai viste, profumi intensi come quello dei fiori di loto, il ricordo di profumo è ancora così vivido nei miei ricordi che mi sembra quasi un sogno e mi rendo conto di essere una persona fortunata.


Fiori di Loto

Fiori di loto dal profumo unico

Foglie negli stagni talmente grandi e forti che potrebbero sostenere il peso dei bambini.


Hanno una larghezza di più di un metro

Camminiamo in questo Eden fino a quando ci blocchiamo e vediamo di fronte a noi in totale libertà un coccodrillo… ci teniamo ben lontano dalle acque del giardino botanico.


Un coccodrillo... ci teniamo alla larga!!

Una volta usciti dal giardino passiamo per caso in un Museo, lo noto perché ha un’architettura totalmente diversa da quella coloniale e sembra più europea… è Il Museo di Soto, un complesso di diversi edifici bianchi immersi da tanto spazio/giardino dove l’artista Soto aveva un desiderio e voleva seguire il suo senso artistico.


Entrata principale del Museo Soto @escanercultural

L’arte deve essere assaporata e vissuta non solo negli ambienti chiusi ma soprattutto all’aria aperta e proprio per questo l’architetto Carlos Raùl Villanueva ha voluto rispecchiare l’arte di Soto, un classico esempio dell’architettura come possa parlare per l’arte, come l’uno parlano e comunicano con l’altra.


Cortile interno del Museo @iamvenezuela

Entriamo e scopriamo un’architettura semplice e lineare, anche l’utilizzo dei materiali sono di semplice, prefabbricato di cemento precompresso intonacata di bianco. Si nota come l’architetto sia stato influenzato dall’architettura moderna europea, la pavimentazione è in cotto scuro che contrastano le pareti bianche per enfatizzare i volumi architettonici e le opere d’arte che le accolgono. I giardini interni sono anch’essi degli spazi che accolgono opere d’arte di Soto e lo sfondo dei volumi architettonici rimangono anonimi per poter dar spazio ai veri protagonisti: le opere di Soto.


Opere all'interno del Museo

La cosa di cui rimaniamo sorpresi sono le opere interattive dell’artista, si possono ascoltare, toccare, vivere e attraversare. Gli effetti ottici e sonori sono unici al mondo e da lui in molti prenderanno spunto.


Opere esterne che si possono vivere in prima persona

Siamo contenti di aver visitato una città così stravagante e contraddittoria, ma non siamo soddisfatti, impazziamo totalmente e decidiamo di andare dall’altra parte della città, vogliamo attraversare con una barchetta l’Orinoco e ci troviamo così in una piccola cittadina insignificante e così delusi che torniamo in ostello a fare due chiacchiere con gli altri pazzi viaggiatori (ancora siamo in contatto con alcuni di loro).


Interno del Museo

Il giorno seguente ci prepariamo finalmente per andare nella foresta amazzonica, Salto Angèl ci aspetta!


Nota tecnica per i più appassionati:


Carlos Raùl Villanueva (1900 – 1975), artefice per oltre cinquant’anni dell’architettura venezuelana.


Pianta del Museo @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Secondo l’architetto, “così come i leoni non devono stare negli zoo, le pitture e le sculture non devono stare nei musei. L’ambiente naturale delle opere sono le piazze, i giardini, gli edifici pubblici, le fabbriche e gli aeroporti: tutti luoghi dove l’uomo percepisce l’uomo come un compagno, un associato, una mano che aiuta, come una speranza e non come un fiore appassito dalla solitudine e dall’indifferenza”.


3D @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Le sue scelte sono orientate sia ad accogliere l’ambientazione di sculture en plen air, sia sollecitando opere site specific, installazioni che partecipano all’identità dei luoghi. La città è per Villanueva un laboratorio della creatività al cui centro è posto l’uomo. Egli sceglie una propria ed originale linea di interpretazione del Movimento Moderno, adattando il repertorio internazionale alle esigenze del clima e dell’ambiente venezuelano. Villanueva ritiene che alcuni elementi tradizionali dell’architettura venezuelana (il balcone, il portico ed il patio, la gelosia, gli elementi schermanti dal sole, ecc.), debbano essere reinterpretati e valorizzati nel tempo moderno


Prospetto @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Prospetto @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Prospetto @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Questa prospettiva operativa troverà piena affermazione con il ritorno della nazione alla democrazia, a partire dal 1958.


Prospetto @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Carlos Raul Villanueva nasce a Londra nel 1900, ma si forma presso l’École des Beax Arts di Parigi. Stabilitosi in Venezuela, ricopre fino al 1939, la carica di direttore del servizio edilizio del Ministero dei Lavori Pubblici. Il progetto che lo rende famoso in ambito nazionale è la costruzione del Museo di Belle Arti di Caracas. Nel 1937 è incaricato di progettare il Padiglione del Venezuela per l’Esposizione Internazionale delle Arti e delle Tecniche della Vita Moderna di Parigi. In quell’occasione, viene a contatto con figure di primissimo piano, come Le Corbousier, Alto, Miró, Calder, Picasso e Delaunay. Questi grandi artisti saranno poi chiamati a collaborare nel progetto Sintesi de las Artes.


Sezione @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Sezione @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Se<ione @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Villanueva muore nel 1975, lasciando una importante eredità: l’importanza del rapporto fra architettura e arti plastiche.


Spaccato assonometrico @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Il Museo di Arte Moderna Jesús Soto a Ciudad Bolívar , in Venezuela , si trova in Germania Avenue tra la città storica e la nuova città. Il Museo è nato dal desiderio di questo artista venezuelano di promuovere l'arte e la cultura nella sua terra natale, dove ormai non esistevano musei di questo tipo o gallerie d'arte; così decide di prendere una delle città con la più grande tradizione storica in Venezuela, un museo d'avanguardia che ha 700 opere di Jesús Soto e altri 130 artisti internazionali.


Spaccato assonometrico @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Il museo è stato inaugurato dal Presidente della Repubblica, Dr. Rafael Caldera , il 25 agosto 1973 . Il progetto del museo è stato realizzato nel 1971 dall'architetto Carlos Raúl Villanueva , integrando due spazi, il paesaggio e l'uomo, attraverso sette sale con dipinti e opere e due giardini con sculture.


Spaccato assonometrico @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Nel museo ci sono reperti della collezione privata appartenuta a Soto negli anni '50 e '60 durante il suo soggiorno in Europa e puoi anche vedere opere di tendenze artistiche come strutturalismo, neoplasticismo, arte ottica, cinetica, monocromatica, Arte geometrica e arte concreta. Due delle sale del museo sono esclusive delle creazioni di Jesus Soto stesso e un altro spazio non incluso nelle sale viene utilizzato per seminari e altre attività come centro di calcolo, cinema.


Spaccato assonometrico @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

In alcune delle opere del museo, lo spettatore cerca di far parte delle proposte artistiche, come i penetrabili del Maestro Soto e le strutture metalliche mobili quando rileva la presenza dei visitatori, le loro forme variano. Il museo riceve una media di 40.000 visitatori all'anno.

Attualmente il Museo ospita 700 opere di artisti nazionali e internazionali del XX secolo . In quella collezione è rappresentata l'arte storica russa, il neoplasticismo, l'astrazione geometrica, il cemento, il monocromo, il cinetico, l'ottico, il programmato, l'arte sistematica e sperimentale.


Spaccato assonometrico della struttura @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Oltre alle opere d'arte, il luogo si distingue anche per mostre culturali, film (chiamati Cinemasoto ) e lezioni private di yoga e musica .

Dal 2014 il museo ha un tour virtuale all'interno del museo con l'implementazione di un nuovo software che consente un'interfaccia panoramica a 360 gradi tramite museojesussoto.com .

Il costo è stato di 1 milione e 300 mila bolivar ed è stato aperto con importanti opere d'arte donate da Soto in prestito e il cui valore è stato quindi stimato in 2 milioni e 500 mila dollari. Il Maestro Antonio Estévez ha integrato la sua creatività musicale con un'opera intitolata Multiple Microvibraphony , composta da sei parti, una per ogni Sala del Museo.


Spaccato assonometrico PT @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Il discorso alla cerimonia di apertura del Museo nel 1973 e alla presenza di personalità di spicco del mondo artistico e intellettuale nazionale e internazionale, è stato tenuto da Alfredo Boulton , che ha presentato il Museo come "una sfida per il sedentario e l'arcaico ... la piazza pubblica per i giovani di spirito che vogliono intraprendere la propria suprema avventura creativa ».


Spaccato assonometrico Primo Piano @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Caldera, che in quell'occasione ricevette la collana Angostura e Soto l' ordine Andrés Bello , trovò nell'opera di Soto come in quella degli altri espositori "una capacità illimitata di creazione in pieno sviluppo" mentre Carlos Cruz Díez paragonò l'esistenza del Museo con un innesco in un paese in cui la nozione di mondo è definita dagli slogan del partito.

Il Museo amministrato da una Fondazione creata dal governo regionale e presieduto da Soto, è stato avviato sotto la direzione di Armando Gil Linares, che mesi prima aveva vinto il primo premio della Sala Alejandro Otero della Casa della Cultura. Il primo consiglio di amministrazione della Fondazione era composto, oltre a Soto come presidente, da Alfredo Boulton come vicepresidente; Carlos Raúl Villanueva, Guillermo Meneses , Miguel Arroyo , Hans Neumann , Miguel Otero Silva , Simón Alberto Consalvi , Luis Pastori , Silvia Boulton de Ellis, María Teresa Castillo , Margot de Villanueva, Sofía Imber , Narciso Debourg , Lourdes Blanco de Arroyo e Ángel Ramón Giugni .


Spaccato assonometrico @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com

Situato all'incrocio di due viali principali aperti nell'estensione della città. Il Museo è costituito da sei edifici esenti collegati da corridoi coperti, dai quali si ha accesso ai giardini interni in cui sono esposte le sculture all'aperto di Soto e altri artisti.

Il primo edificio a due livelli ospita l'accesso al complesso e l'amministrazione, i successivi quattro volumi compongono le sale espositive. E infine il sesto volume di grandi dimensioni, una scatola cubica su misura per la penetrabile di Montreal di tredici metri di altezza.

Modello 3d e disegni preparati da: Jessica Garcia


Scheda tecnica

Nome del progetto: Jesús Soto Museum of Modern Art

Architettura-autore: Carlos Raúl Villanueva

Collaboratori: la sua costruzione fu fatta sotto l'amministrazione dell'architetto Manuel Garrido Mendoza, uno studente di Villanueva

Anno: 1971

Ubicazione: Ciudad Bolívar - Venezuela

Superficie: 1080 m²

Autore - Struttura: Carlos Raúl Villanueva, elementi prefabbricati in cemento precompresso, orientati in una direzione della luce più corta.

Cliente: Jesús Soto



L'ingresso al museo è gratuito. Gli orari di visita sono dalle 9:00 alle 17:00 dal martedì al venerdì e dalle 10:00 alle 16:00 il sabato e la domenica (orario non aggiornato)









Testi per “Nota tecnica per i più appassionati” presi da: https://catalogosdearquitectura.wordpress.com, www.treccani.it, https://restaurars.altervista.org,


Immagini: @https://catalogosdearquitectura.wordpress.com,


Foto: Scattate da me, @iamvenezuela, @escanercultural

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon
About Me
Architetto, forse da sempre…
Nata a Roma
Dopo aver studiato alla “Sapienza” seguo diversi corsi per tenermi sempre aggiornata…

Read More

 

© 2018 By Architetto On The Road

Iscriviti alla nostra Newsletter
  • White Facebook Icon