Una Torre tra le note di Mozart - Vienna

Capodanno a Vienna di 12 anni fa.


Fu un regalo-viaggio, un viaggio che avrei voluto fare da molto tempo.


Vienna è stata una vera scoperta, una città a misura d’uomo dove non si ha bisogno dell’automobile e ci si può spostare tranquillamente con i mezzi di trasporto pubblici o anche a piedi.


Una città dall’architettura moderna con il suo “Jugendstil” (nato in Germania – vedi articolo), con le opere di Olbrich un grande architetto della fine del 1800 appartenente alla secessione Viennese, Otto Wagner e tantissimi altri… e il mio cuore si aprì a tanta bellezza architettonica di cui questa città gode, vedere ciò che si studia sui libri nella realtà ha sempre un fascino particolare.


Il Palazzo della Secessione a vienna del mitico Olbrich

Capodanno a Vienna significa che la neve è onnipresente, ma significa anche vedere e conoscere un modo di vita completamente diverso dal nostro.

Sono rimasta molto sorpresa come le persone di qualsiasi età potessero essere indipendenti e intraprendenti ad uscire con quel freddo, anche i genitori con dei passeggini a tre ruote (se ne vedevano ancora pochi), uscissero e facessero jogging all ‘interno del parco del castello di Schönbrunn.


Fantastico!!!


Nessuno si ferma, ma al contempo si fa una vita molto al chiuso, motivo per cui vi sono tantissime caffetterie dove il cappuccino, cioccolato caldo e tisane bollenti sono all’ordine del giorno accompagnati sempre da una buona fetta di Sacher Torte.


Visitiamo e passeggiamo per le strade di Vienna come se fosse la nostra città, i negozi illuminati risaltano lo spirito ancora natalizio che aleggia tra le persone, la neve marca le nostre sagome e nell’aria si aggirano note di Mozart, proprio di fronte a noi un piano forte in mezzo al Corso ed una giovane donna che tocca le note come fosse lei stessa la Musica.

Arriva la notte di Capodanno e riusciamo ad andare ad un concerto di musica classica e balletto, la magia di quella notte è stata unica, mi sono sentita una principessa in un luogo fiabesco.


Il Concerto all'interno del Municipio di Vienna

Il giorno seguente la destinazione è Donaustadt (letteralmente “La città del Danubio), un distretto residenziale ma dove vi sono anche grandi strutture destinate ad uffici.

Sono contenta di andare, ho voglia di vedere un po' di architettura moderna ma la sfortuna ha voluto che fosse tutto chiuso (ovviamente) quindi tutto si è ridotto ad ammirare questo grande centro dall’esterno.

Camminando scorgiamo una grande torre la “Donauturm” (Torre sul Danubio) e mi domando “chissà se è aperta?”,

Un fiore metallico (un tulipano) osserva la città dalla sua altezza, ma quando arriviamo ai suoi piedi la percezione del fiore scompare e si presenta questo cilindro altissimo, un mega blocco di cemento armato.


Donauturm - Fiore metallico

E’ aperto!


Donauturm - Vista dal basso (un grande cilindro di cemento armato)

C’è la possibilità delle scale ma i gradini sono troppi e decidiamo di prendere un ascensore che come un fulmine arriva al ristorante in pochi secondi, una sensazione incredibile come quando si è piccoli e si va sulle giostre per la prima volta da soli.


Interno dell'ascensore indica la nostra posizione


Bello!!!


La particolarità non è solo l’altezza da dove si ammira tutta la città, ma è il suo “movimento”, il ristorante ruota su se stesso, effettuando una rotazione di 360°.


Un punto di vista dal ristorante

La città a 360° mentre ruota il ristorante

Geniale!!


Il gambo di tale fiore è in cemento armato, accoglie non solo gli ascensori ma l’intera cucina del ristorante proprio per risolvere tanti problemi impiantistici, scelta più semplice e intelligente.


Il gambo del "fiore" in cemento armato e i petali in metallo

I petali, in metallo, accolgono un ristorante e al piano inferiore una caffetteria, mentre i restanti piani accolgono una Radio con i suoi uffici.

Siamo in un luogo unico, fantastico, e con il mio spirito del viaggiatore so che dobbiamo cogliere il momento, dobbiamo mangiare al ristorante assolutamente.

Rimaniamo, gustiamo i piatti tipici viennesi dall’alto mentre osserviamo la città di Vienna, una sensazione unica, un punto di vista diverso (prima dell’Era dei Droni).


Il Danaupark dal ristorante

La città ce la gustiamo a 360° in circa un’ora, esattamente il tempo di un pranzo, vedere come ruota lentamente è molto affascinante e anche rilassante.


La città è nostra!

Il tepore del ristorante rende tutto più accogliente.


Io al ristorante e la Città di Vienna alle mie spalle

Una volta terminato scendiamo e il freddo ci attanaglia in un istante, ci facciamo forza e andiamo al parco Donaupark, piano piano il freddo si affievola con il movimento del corpo e ci avviamo di nuovo al centro storico della città tra le note di Mozart.


Donaupark


Nota tecnica per i più appassionati:


La Vienna Donauturm (Torre del Danubio), inaugurata nell'aprile del 1964, è la struttura più alta in Austria, a 252 metri (827 piedi), e tra le 75 torri più alte del mondo.


Piante del Donauturm

La torre si trova vicino alla riva nord del fiume Danubio nel distretto di Donaustadt. Il Donauturm fu costruito durante il 1962-1964, come progettato dall'architetto austriaco Hannes Lintl, in preparazione per l'International Horticultural Show di Vienna del 1964. Da allora, è diventato parte dello skyline viennese ed è diventato un punto di osservazione popolare e un'attrazione turistica.


Planimetria dell'intera zona

Due ascensori ad alta velocità trasportano i passeggeri sulla piattaforma di osservazione della torre a 150 metri (490 piedi). Ogni ascensore, che trasporta fino a 14 passeggeri, impiega solo 35 secondi per raggiungere la piattaforma di osservazione. In caso di vento forte, gli ascensori viaggiano a metà velocità a causa delle possibili fluttuazioni della torre: il movimento del cavo dell'ascensore potrebbe essere pericoloso. Camminando per circa 779 gradini (775, secondo gli architetti Hannes Lintl), la piattaforma può anche essere raggiunta a piedi. Le scale, tuttavia, sono solitamente accessibili solo durante la corsa annuale di Donauturm o in caso di emergenza. Due ristoranti girevoli (ad un'altezza di 161 e 169 metri, o 529 e 556 piedi) offrono una vista variegata sulla capitale austriaca e sul Danubio sottostante. Prende la piattaforma 26, 39 o 52 minuti per completare una rivoluzione completa. I ristoranti erano in origine in gran parte identici; però, ora la cima è un ristorante "di lusso" (chiamato "Donauwalzer") e il ristorante più basso è un caffè (chiamato "Panorama"). Anche così, il menu e i prezzi continuano a differire poco. Il ponte di osservazione porta anche un sito di bungee jumping, con una piattaforma che sporge dalla zona.


Le varie altezze delle Torri presenti nel mondo attualmente

La Torre sul Danubio è inoltre una radio-stazione privata e sede di diversi servizi di radiotrasmissione. Nonostante assomigli ad una torre TV, la Donauturm non è usata per le trasmissioni TV





Donauturmstrasse 4, Vienna 1220, Austria



Testi per “Nota tecnica per i più appassionati” presi da: http://www.vanwageningen.net/picture/992-2003_43_donauturn_danube_tower_vienna_austria/tags/275-tower, https://www.360cities.net/image/vienna-wien-donau-tower-turm-austria,

Immagini: @https://www.project.co.at/donauturm/,

Foto: Scattate da me

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon
Iscriviti alla nostra Newsletter
About Me
Architetto, forse da sempre…
Nata a Roma
Dopo aver studiato alla “Sapienza” seguo diversi corsi per tenermi sempre aggiornata…

Read More

 

© 2018 By Architetto On The Road

  • White Facebook Icon